Forum Devoti a Maria:

 

Per partecipare al Forum devi effettura il Login o registrarti
Sposala e muori per lei, uomini veri per donne sen
Utente che ha Postato
Post di Admin
il 18/10/2014 alle 10:44

Vai alla pagina dedicata a questo libro (link)


Utente che ha Postato
Risposta di giuliano
il 18/10/2014 alle 10:12
Capita spesso, parlando di Costanza Miriano, di sentirsi dire che "Si certo è una bella teoria, ma la realtà è diversa" oppure "Si va bene, ma dopo un poco se l'altro non reagisce la porta è quella...", insomma una serie di condizioni temporali alla validità del metodo Costanza.

Devo ammettere che anche io ho ho avuti i miei bravi dubbi ad "affrontare" Costanza, l'idea di cambiare non per ottenere, ma per migliorare mi sembrava, su un piano teorico, un poco bislacca. Siamo talmente tanto immersi nella cultura del fare per avere che a volte ci dimentichiamo di cosa possiamo trovare nel Vangelo.

Detto questo poi ognuno è libero di interpretare Costanza a modo proprio.

Un mio caro amico, compagno di tante belle riflessioni sulla fede, la trova troppo sbilanciata sulla santificazione delle donne, potrebbe non avere torto. Io credo invece che quanto Costanza afferma sia in realtà applicabile anche agli uomini, pur con le dovute differenze, perché "amare gli altri come se stessi" non dovrebbe essere i una prerogativa solo femminile, per quanto forse per loro sia più facile per il dono dell'accoglienza che le caratterizza, dovrebbe essere qualcosa insito nel cuore umano, anche perché amare in maniera pura dona una grande gioia, come aiutare gli altri o includere nelle proprie azioni una costante tensione verso il dono agli altri e la testimonianza. 

Per quanto tempo si può resistere come Costanza in una situazione in cui nulla cambia?

Io girerei la frase in, per quanto tempo si può resistere in una situazione in cui nulla cambia senza il "metodo Costanza"? Io credo pochi mesi, potrei sbagliarmi, ma quando sei in una situazione difficile non è tirandosi indietro che si risolvono le cose, ma proprio andando avanti ed accettando la sfida con se stessi.

Ricordiamoci sempre che a noi uomini viene chiesto di "Morire per le nostre mogli", non credo sia più' facile di essere "sottomessi" a ben vedere.

Altre opinioni?