Il TIMOR DI DIO

Quando l'uomo bada solo agli effetti, corre il rischio di fare degli effetti e della loro realizzazione il regno stesso, abbandonandosi così a potenze estranee a Dio.

Alcune manifestazioni di "forze" e "potenze" meta-sensoriali fanno parte della creazione di Dio ma sono donate per veicolare la conversione e a far innamorare l'uomo di Cristo e della Chiesa.

Quando uno dei due elementi (Cristo e la Chiesa) di questo amore è messo in discussione, anche solo velatamente, l'uomo si sta incamminando verso la distonia spirituale e verso la morte.

In conclusione, il dono del timore di Dio ci aiuta a rimanere fiduciosi ed a mantenerci obbedienti a Dio - perennemente in ascolto -, mentre quando ci si abbandona alla paura e alla superbia, facilmente si diventa idolatri e ci si ritrova su una via sbagliata e pericolosa.